fbpx
Montessori Educazione Pace
Bambini,  Educazione

Maria Montessori. Educazione = Libertà, Rispetto, Pace.

Montessori ha rivoluzionato l’educazione del XX secolo con il suo metodo: in cui la libertà, il rispetto e la ricerca per la pace, sono fondamentali per l’individualità del bambino.‎

‎«Seminate nei bambini idee buone anche se non le capiscono. Gli anni saranno incaricati di decifrarle nella loro comprensione e di farle fiorire nel loro cuore».

Maria Montessori, (Chiaravalle,1870. Noordwijk, 1952) è stata un’educatrice, pedagogista, filosofa, medico, neuropsichiatra e scienziata italiana, internazionalmente nota per il metodo educativo che prende il suo nome, adottato in migliaia di scuole materne, elementari, medie e superiori in tutto il mondo.

Fu tra le prime donne a laurearsi in medicina in Italia.

‎Metodo Montessori.‎

‎Il suo metodo parte dallo studio dei bambini con problemi di salute mentale, espandendosi allo studio dell’educazione per tutti i bambini, basata sul rispetto della libertà e dell’individualità personale.‎

Ha avuto effetti stimolanti anche se applicato all’educazione dei bambini che non soffrivano di disabilità. ‎

Il suo pensiero identifica il bambino come “completo, capace di sviluppare energie creative e possedere riserve morali”. L’adulto, d’altra parte, li ha trattenute in se stesso rendendole inattive. ‎

‎”Qualsiasi aiuto inutile è un ostacolo allo sviluppo”.‎

‎Il principio fondamentale dell’Educazione Montessori dovrebbe essere la “libertà dello studente”, poiché solo il rispetto della libertà e la ricerca della pace, promuove la creatività che è presente nella sua natura. La disciplina deve sorgere dalla libertà.‎

‎Per Maria Montessori, la disciplina deriva dal “lavoro libero”; nasce solo quando emerge un autentico interesse nel bambino, cioè quando “sceglie” secondo il suo istinto e ricorda quello che già sapeva.

Photo by Sigmund on Unsplash

Sarà compito dell’insegnante, lavorare al mantenimento di questo stato, attraverso l’educazione, nel movimento. ‎

‎Secondo la scienziata, il movimento gioca un ruolo centrale, poiché la personalità si forma crescendo accanto alle facoltà psichiche e alle facoltà motorie.

‎È quando il bambino impara a muoversi, seguendo uno scopo legato all’attività psichica, che sarà in grado di dirigere la sua volontà; solo allora sarà disciplinato. ‎

‎L’educatore deve avere il cuore del poeta e la mente dello scientifico“.

‎Materiali:‎

‎I materiali progettati per uso autonomo, susciteranno nel bambino interesse e concentrazione; e potrà scegliere la propria attività, seguendo il suo istinto.

‎Un bambino concentrato non è ancora un bambino disciplinato, perché un bambino disciplinato è in grado d’indirizzare la sua volontà verso una finalità.

. ‎

Photo by Jackie Hope on Unsplash

‎La volontà è rafforzata e sviluppata con esercizi metodici. ‎

‎Il docente aiuterà il bambino, in questo processo, con attività fornite dal cosiddetto metodo delle “lezioni silenziose” in cui sperimenterà: dalla perfetta immobilità, all’attenzione per percepire il suono del suo nome pronunciato da lontano, o movimenti di luce coordinati, alla fine di non sbattere gli oggetti, ecc. ‎

‎ “Il miglior insegnamento è quello che usa la minor quantità di parole necessarie per l’attività”.

‎In questo modo, i bambini devono imparare a prendersi cura di se stessi e sono incoraggiati ad adottare le proprie decisioni.‎

‎” Il bambino che non ha mai imparato ad agire da solo, a dirigere le sue azioni, o a governare la sua volontà, diventa un adulto che è facile da governare e che ha sempre bisogno del sostegno degli altri”.

Un esempio di materiale “montessoriano”, sono le Scatole sovrapponibili di legno, un regalo educativo che coltiva il senso visivo dei bambini. Possono esplorare la forma, la dimensione, il volume e la misura con questi pratici strumenti.


Con Montessori, molte regole consolidate dell’educazione cambiarono, nei primi anni del secolo, dove il rispetto, la ricerca della pace e la libertà individuale era davvero scarso.

‎Educazione Cosmica.‎

‎Caratteristico delle scuole Montessori è l’insegnamento dell’Educazione Cosmica. ‎

‎L’educazione cosmica comprende i concetti di educazione ecologica, educazione alla pace ed educazione globale.

Ma non finisce con la loro somma, poiché il suo fine principale è guidare il bambino verso l’amore per la vita, sentirsi parte dell’universo e trovare il proprio scopo nel mondo. ‎

‎”Tutti parlano di pace, ma nessuno educa alla pace.‎

‎Le persone educano alla competizione e questo è l’inizio di qualsiasi guerra.‎

‎Quando educhiamo a cooperare ed essere solidali l’uno con l’altro, quel giorno, educheremo per la pace”.

‎Nelle scuole “montessoriane”, le idee dell’Educazione Cosmica influenzano profondamente nel’insegnamento di tutte le discipline e in particolare quello della Storia, della Geografia e della Scienza.‎

‎In conseguenza:‎

‎La sua eredità:‎

‎”Non educhiamo i bambini per il mondo di oggi. Questo mondo sarà cambiato quando saranno grandi. Dobbiamo dare la priorità all’aiutare il bambino a sviluppare la sua capacità di creatività e adattamento”.

‎Il suo metodo è stato applicato in migliaia di scuole in tutto il mondo, in diversi livelli di età.‎

‎Ha cambiato la pedagogia degli ultimi 100 anni. Il bambino è considerato un essere completo, con l’energia creativa e affettiva necessaria per crescere nella libertà.‎

‎”Se l’aiuto e la salvezza devono venire, può essere solo attraverso i bambini. Perché i bambini sono i creatori dell’umanità”.

‎L’apprendimento è progressivo e individuale, i ritmi di assimilazione di ciascuno sono rispettati.

Pertanto, sulla base delle conoscenze individuali, l’insegnamento è adattato alle esigenze e alla modalità personale. Ciò si traduce in risultati migliori e più produttivi.‎

Giocattoli Montessori.

‎Il processo di apprendimento nasce dalla curiosità, per arrivare dopo a realizzare le sue scoperte.

Il bambino impara autonomamente.

Si avvicina a ciò che gli interessa. Motivati dalla curiosità, la soluzione sarà fonte di piacere.

Vivrà il suo apprendimento con gioia e interesse.‎

‎Il primo compito dell’educazione è scuotere la vita, ma lasciarla libera per svilupparsi“.

‎Grazie alla sua curiosità, il bambino si muove verso ciò che gli interessa, in uno spazio fatto su misura. E così che ha la libertà e l’indipendenza di muoversi liberamente.‎

Sia a scuola che a casa.

‎L’educazione sentimentale anche è fondamentale per Maria Montessori.

È importante imparare a riconoscere le proprie emozioni, stati d’animo e a essere in grado di esprimerli, senza dimenticare di entrare nell’empatia con gli altri.

Si imparerà, ad esempio, a sopportare critiche, successi o fallimenti.

Flash cards Emozioni e Azione.

‎In sintesi:‎

‎L’apprendimento dovrebbe essere fatto come un gioco, in questo modo, verrà catturata più attenzione. Così, il bambino imparerà divertendosi.‎

‎”La prova della cosa giusta dell’intervento educativo è la felicità del bambino”.

‎”Mi oppongo all’essere chiamata la grande educatrice del secolo, perché non ho fatto altro che studiare i bambini, prendere ciò che mi hanno insegnato ed esprimerlo, ed è quello che viene chiamato metodo Montessori. Al massimo, quello che ho fatto è stato aver interpretato il bambino”.‎

Omaggio sulla banconota di 1.000 lire a Maria Montessori, emessa con D.M. del 03.10.1990.

Sul fronte è raffigurata Maria Montessori che, nella storia della Repubblica Italiana, è stata l’unica donna ad aver avuto il riconoscimento del proprio operato e la prima e unica donna italiana alla quale è stata dedicata una banconota (accedi qui al sito della Fondazione Maria Montessori Italia).

2 commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.